La soglia dell'essere

La soglia dell’essere. Tre tappe nel pensiero di Martin Heidegger

 15,00

Autore

Giovanni Dissegna

Collana

iCentotalleri

Lingua

Italiano

Formato di stampa

Cartaceo

Numero pagine

240

Anno

2021

ISBN

9788863365504

Sinossi

Il testo guida attraverso tre concetti chiave del pensiero heideggeriano (l’inizio, la ragione e il fondamento) analizzati secondo il tema portante della “soglia”: questa, infatti, rappresenta una dimensione decisiva per comprendere come l’interpretazione di tali concetti (ma, in generale, dell’intera filosofia heideggeriana) possa avvenire proprio in una condizione liminale, di confine.

Lo stesso sguardo che Heidegger getta sulla storia del pensiero identifica l’Occidente come fermo in una condizione di “soglia”, di “linea”, entro un assetto globale che si presenta come insuperabile, ma che, paradossalmente, presenta esso stesso la possibilità del suo superamento. Il tema della soglia costituisce il filo rosso di queste tappe: la dimensione spesso fraintesa come escatologica, mistica o sciamanica del pensiero di Heidegger si riassume piuttosto con i tratti dello scorcio, dello sguardo che può esserci solo perché, abitando la contemporaneità, si pone in relazione con il mondo delle “ultime cose”, con ciò che è finale e, in virtù di questo rapporto con ciò che è terminale, consente di cogliere il mondo come libertà.

Presentazione di Simona Venezia

La recensione del libro

Al momento non sono disponibili recensioni.

L'Autore

Giovanni Dissegnaè dottorando di ricerca e cultore della materia in Filosofia Teoretica presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, sotto la supervisione di Simona Venezia. Allievo di Gianni Vattimo a Torino, ha concentrato i suoi studi principalmente sul pensiero di Friedrich Nietzsche e Martin Heidegger, con particolare riferimento al ruolo dell’Occidente nel superamento della metafisica e al concetto di essere come “evento”. È socio della Società Filosofica Italiana e co-autore del cortometraggio “L’Ultima Notte”, ispirato ai dialoghi Apologia di Socrate, Critone e Fedone.