Massimo Saccon

Condividi

Leggi l'articolo precedente:

"Laura Barzaghi"

Massimo Saccon

Maestro Miniaturista: Massimo Saccon – Studio Vellum Opificium Civitas Austriae

Massimo Saccon nasce a Venezia nel 1966 e vive e lavora a Cividale del Friuli. Dopo aver frequentato gli studi regolari si è dedicato alla storia medievale, in particolare ai secoli che vanno dal IX al XIV, maturando una profonda conoscenza delle antiche tecniche della miniatura, della scrittura e della doratura presenti negli antichi manoscritti medioevali. Nel corso degli anni ha avuto modo di esporre le proprie opere in molte occasioni e di tenere conferenze mirate alla divulgazione di queste antiche arti.

Anni 1990-2000

Espone alla Chiesa degli Eremitani a Padova in occasione di una rivisitazione storica medievale.

Espone alla Mostra sulla Miniatura tenutasi all’interno delle “Scuderie” del Castello Sforzesco di Vigevano, tenendo in quella occasione una conferenza di apertura sui Codici Miniati

Espone al Castello del Belgioioso di Pavia nell’occasione della Mostra Internazionale sul Medioevo, tenendo lezioni pratiche e teoriche, sulla Miniatura Medioevale

Ha realizzato l’Andress (onorificenza), in pergamena, per il conferimento della “Cittadinanza Onoraria di Conegliano Veneto” data al Rabbino Capo della comunità Ebraica italiana Elio Toaff.

Anni 2000-2023

Nel 2012, espone le sue opere a Torino alla Biblioteca Nazionale Universitaria, tenendo lezioni pratiche e teoriche.

Nel 2013 espone alla Biblioteca Riccardiana a Firenze in occasione della Mostra “Miniatura Viva” (durata 3 mesi), organizzata dalla rivista specializzata Alumina.

Nel 2014 espone ad Aosta alla Biblioteca Regionale in collaborazione con il MAR Museo Archeologico Regionale con una serie di incontri divulgativi sull’arte della miniatura e della scrittura antica.

Dal 2004 al 2019, è ospite del “Centro di restauro del libro antico” all’Abbazia Benedettina della Novalesa di Susa. (Torino).

Dal 2008 al 2019 ha tenuto alla Sacra di San Michele, l’Abbazia di San Michele della Chiusa (Torino), un ciclo di conferenze annuali (“L’arte nel Silenzio”), sulla conservazione e restauro dei codici antichi e sullo stile in varie epoche della Miniatura, sia Italiana che Europea in collaborazione con il Dott. Valerio Capra – Direttore del centro di restauro del libro antico della Novalesa e della calligrafa Sara Pellicoro.

Dal 2013 al 2017, in collaborazione con il Dott. Valerio Capra ed il Dott. Maurizio Aceto, è l’ideatore del progetto sulla consultazione ed analisi del “Messale Rosselli”, (XIV secolo), conservato alla Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino.

Nel 2017 è relatore sulle tecniche della miniatura e della doratura negli antichi manoscritti svoltasi nella giornata di studi interdisciplinari presso l’Auditorium della Biblioteca Nazionale Universitaria a Torino.

Ideatore e creatore del “Premio Paolo Diacono” in pergamena per il Convitto Nazionale Paolo Diacono di Cividale del Friuli.

Nel 2020 ha iniziato un progetto che porterà alla creazione di tre codici di stile medioevale, denominandoli “Itinerarium Mentis”. Il primo riguardante Dante e completato nel 2022, il secondo sul Boccaccio ed il terzo su Petrarca.

Nel 2021 ha creato, per celebrare l’anno dantesco, e per il concomitante cinquantenario della Fondazione de Claricini Dornpacher, 13 pergamene manoscritte e miniate riguardanti le opere di Dante, esposte nella sede della Fondazione a Moimacco e pubblicate nel catalogo Mondadori “Tra ombre e luci”.

Nel 2023, ha tenuto una personale, durata tre mesi, a “Palazzo Pisani Revedin” a Venezia, con una serie di incontri pubblici sulle opere esposte.

Nel 2023 crea un corso, insieme ad Alberto Benato, responsabile del “Centro di Restauro del Libro Antico”, presso l’“Abbazia di Praglia” (PD), di otto incontri sulla storia ed i metodi dell’arte miniaturistica nei vari secoli e le loro correnti artistiche.

A Cividale del Friuli ha fondato lo “Studio Vellum Opificium Civitas Austriae “, un laboratorio di ricerca indirizzato allo studio dell’arte della miniatura. Uno Scriptorium funzionale, atto alla trascrizione e realizzazione di copie degli antichi testi.